Per riposare bene non basta cambiare e lavare periodicamente le lenzuola.

Il nostro materasso è la culla per polvere, batteri e acari che sono le cause più comuni di allergie.

Per un sonno rigenerante è dunque fondamentale prendersi cura anche del proprio materasso.

Grazie ai nostri consigli pratici vedremo come lavare il materasso sia più facile di quello che si può pensare.

Manutenzione del materasso

Il primo passo per una buona cura del materasso è aprire le finestre ogni mattina per almeno 15 minuti, in modo che l’aria ventili il letto e porti via l’umidità che si è creata durante la notte. Solo dopo si potrà rifare il letto.

Per la pulizia del materasso avrete bisogno di un aspirapolvere, del bicarbonato di sodio, un colino, acqua e una spugna.

Ogni mese bisognerebbe passare l’aspirapolvere sul materasso per rimuovere la polvere superficiale.

Ogni tre mesi bisognerebbe girare il materasso testa-piedi per evitare che prenda forme strane e passare a una pulizia più approfondita.

Per prima cosa bisogna aspirare tutta la superficie del materasso, anche lateralmente.

Poi passeremo all’utilizzo del bicarbonato di sodio, un prodotto naturale, economico ed efficace nella pulizia della casa. Permette di eliminare l’umidità e i cattivi odori, ha un’azione inibente nei confronti di batteri ed acari.

Prendete il bicarbonato e con l’aiuto di un colino spargetelo in maniera uniforme su tutta la superficie del materasso. Lasciatelo riposare per due o tre ore. Se preferite potete mescolare il bicarbonato con qualche goccia di olio essenziale per renderlo profumato.

Una volta che il bicarbonato avrò fatto effetto bisogna rimuoverlo utilizzando l’aspirapolvere. Per una maggior efficacia, se avete una scopa a vapore potete utilizzarla per la passa finale, ma in questo caso ricordatevi di lasciar asciugare bene per evitare che si creino muffe.

Forse non tutti sanno che ogni sei mesi bisogna cambiare la stagionalità del materasso che ha un lato invernale e uno estivo.

 Come pulire le macchie

Spesso capita di trovare sul nostro materasso aloni indesiderati, anche in questo caso abbiamo i consigli giusti per voi.

Per gli aloni o per macchie generiche secche bisogna preparare una pasta a base di acqua e bicarbonato da spalmare sulla macchia e ‘’grattare’’ con una spazzola per tessuti o un vecchio spazzolino. In alternativa potete utilizzare una soluzione aceto e limone.

Ultimi consigli

Per conservare il materasso in uno stato ottimale bisogna prendersene cura giornalmente partendo dalla scelta della biancheria da letto.

Scegliete un coprimaterasso matrimoniale in cotone che garantisce la traspirazione corporea e il mantenimento di un equilibrio termico ottimale ma che allo stesso tempo avvolge e protegge il materasso.

Per un confort ancora maggiore potete scegliere il nuovo coprimaterasso imbottito trapuntato a cassettoni.

Per finire ricordatevi di cambiare il materasso ogni 10 anni e di lavare lenzuola e coprimaterasso ad alte temperature per garantirne la massima igiene.