Come rendere l’ambiente luminoso

Come rendere l’ambiente luminoso

Come rendere l’ambiente luminoso

La giusta illuminazione permette di vivere la casa in maniera più confortevole; con piccoli trucchi, è possibile rendere lo spazio non solo più luminoso, ma anche apparentemente più grande.

Colori e oggetti d’arredamento permettono di creare giochi di luce e modificare la percezione che si ha dell’ambiente, rendendo gli spazi più accoglienti e soprattutto più definiti.

In generale, i colori dalle nuance chiare riflettono o assorbono la luce ampliando visivamente lo spazio, a differenza di quelli scuri che tendono non solo a rimpicciolire, ma anche a creare un’atmosfera cupa e poco calda.

L’arredamento incide molto su questo aspetto poiché è la cornice che conferisce armonia a tutto il resto; consigliamo di scegliere quindi pavimenti dai colori chiari, come il bianco, i colori pastello o neutri, e mobili dalle stesse tonalità.

Per mobili in legno, sarebbe preferibile optare per materiali chiari come il legno di abete e di acero; per i mobili laccati o rivestiti, le nuance da preferire vanno dal bianco al grigio chiaro.

Lo stesso discorso vale anche per gli accessori tessili come tappeti, cuscini e copriletto, per i quali si può optare per pelli o tessuti nelle palette dell’azzurro, del grigio chiaro, del panna e del bianco, e coordinarli tra loro per mantenere un’armonia generale.

I tendaggi - di solito sottovalutati nella loro importanza come elementi d’arredo in quanto si pensa che la loro principale funzione sia quella di proteggere dalla luce esterna o mantenere la privacy - in tinte molto chiare e tessuti leggeri filtrano la luce solare illuminando lo spazio.

Gli specchi sono ormai un elemento d’arredo di moda; consigliamo di posizionarli di fronte o vicino la finestra, per far sì che la luce esterna rifletta sulla loro superficie rendendo l’ambiente più luminoso.

Il bianco e le tonalità chiare, se usate in maniera eccessiva, rischiano di rendere la casa troppo fredda; per evitare quest’effetto è consigliabile bilanciarli con tocchi di colore ottenuti dall’uso di oggetti di decoro come vasi, quadri, candele e molti altri.

Anche la scelta dell’illuminazione stessa incide su quello che sarà poi l’effetto finale: la luce diffusa è preferibile in contesti in cui i mobili sono laccati o comunque lucidi, poiché la luce diretta potrebbe creare un effetto riflettente.

Le lampade da terra sono utili per illuminare tutta la stanza e diffondere la luce in maniera uniforme. In alternativa, si può optare anche per faretti orientabili in modo da non abbagliare chi si trova nelle immediate vicinanze.

In generale, le stanze utilizzate per ospitare cene e pranzi - come la cucina o la zona living - andrebbero illuminate in maniera soffusa poiché la luce troppo diretta potrebbe risultare un elemento di disturbo.

La camera da letto va illuminata con tre punti luce: uno centrale, solitamente a soffitto, e gli altri due sui comodini per permettere la lettura o semplicemente accompagnare il sonno.

Per altri consigli segui la nostra pagina Facebook La Casa Italiana!